OM + The Bug (07/08/2019 @ Fortezza Vecchia, Livorno)

Evento:OM + The Bug
Data:07/08/2019
Luogo:Fortezza Vecchia, Livorno
Gruppi:

  • The Bug
  • OM

È stato un inizio agosto impegnativo per Aristocrazia in giro per l’Europa, tra il classico appuntamento ceco con il Brutal Assault e il capitolo sloveno del tour per il ventennale degli Ufomammut. Per non essere da meno anche qui in Italia, siamo stati alla data livornese dei monumentali OM, a ben sette anni dalla loro ultima visita a Sud delle Alpi. Un plauso va alla Hardstaff Booking Agency anche per la scelta della location: la Fortezza Vecchia.


The Bug

È sempre un rischio l’utilizzo di una cornice di questo tipo, quando si tratta di ospitare eventi simili. Con il ricordo della bella performance degli Ulver al Labirinto della Masone di Fontanellato (PR), siamo entrati nella Fortezza Vecchia di Livorno carichi di aspettative e non siamo assolutamente rimasti delusi dall’allestimento e dall’atmosfera. Tra parcheggio, cena e una breve passeggiata, arriviamo quando il set di The Bug è già iniziato da un po’.

Per chi non lo sapesse, l’uomo alla consolle risponde al nome di Kevin Martin e si era fatto notare nei nostri ambienti in particolare nel 2017, dando alle stampe l’album Concrete Desert insieme all’onnipresente Dylan Carlson degli Earth. Il suo set dub-reggae-trip hop è stato un buon avvicinamento alle visioni che ci avrebbero accompagnati nelle ore successive.


OM

Dicevamo, sono passati circa sette anni dall’ultima apparizione italiana della creatura di Al Cisneros. Il progetto californiano è decisamente parte dell’elenco di band che godono di grande rispetto qui in redazione, come visto anche in occasione dello speciale sul nostro decimo anniversario. L’importanza e la rarità dell’evento (cose del genere non si vedono proprio tutti i giorni sulla costa toscana) si notano anche dalla numerosissima folla accorsa fin dal Lazio e dalla Liguria e oltre per dare il benvenuto ai tre. Dopo un po’ di attesa, gli OM si presentano sul palco con Emil Amos alle pelli e il nuovo turnista Tyler Trotter alla tastiera. Le intenzioni di Cisneros sono chiare fin da subito: il suo nuovo basso ci porterà attraverso il deserto sulle note degli ultimi due capolavori God Is Good e Advaitic Songs.

Quello che accade nella successiva ora e mezza circa è un rito, un viaggio nell’eternità cadenzato dai colpi sempre perfetti di Amos, in cui l’intero pubblico sembra diventare una corrente di menti, unita eppure distinguibile, diretta verso un piano superiore. Tra una “Thebes” e una “State Of Non-Return”, gli OM trasportano la Fortezza Vecchia di Livorno in una dimensione trascendente, quasi facendoci dimenticare il caldo mostruoso che ha caratterizzato la serata. Il trio non è riuscito a concedere un bis, forse per via della tabella di marcia che lo voleva a Milano il giorno successivo, ma questo non ha inficiato sull’altissima qualità del concerto.

Il prossimo appuntamento in Italia con Cisneros, stavolta insieme ai redivivi Sleep, sarà a Bologna nel mese di ottobre. Chissà se questa ritrovata vena creativa sfocerà anche in nuovo materiale targato OM, dopo l’uscita di The Sciences lo scorso anno. Noi attenderemo con grande interesse notizie da Cisneros e Amos. Nel frattempo, rinnoviamo i complimenti all’organizzazione di questo evento, sperando che in futuro possano esserci sempre più occasioni simili in giro per la costa toscana.

Facebook Comments